Estate d’Eventi: Il libro della giungla

Montecchio2018_LOC35x50_DEF.indd

Venerdì 7 settembre alle 21 il giardino della biblioteca in via S. Bernardino (in caso di maltempo il cinema/teatro S. Pietro) ospita la rappresentazione de “Il libro della giungla”, proposta da Fondazione Aida ed Ensemble Vicenza Teatro per la rassegna “Estate in favola”, a sua volta inserita nel calendario di Estate d’Eventi. Continua a leggere

Estate d’Eventi: E non mi importa più niente di noi

0001 (10)

Giovedì 6 settembre alle 21 il giardino della biblioteca in via S. Bernardino (in caso di maltempo il cinema/teatro S. Pietro) ospita lo spettacolo “E non mi importa più niente di noi – Canzoni di canguri e pesci” di Thierry Di Vietri, proposto da Ensemble Vicenza Teatro per la rassegna “PalcoLibero in Città” a sua volta inserita nel calendario di Estate d’Eventi. Continua a leggere

Estate d’Eventi: La sirenetta

img18

Venerdì 31 agosto alle 21 il giardino della biblioteca in via S. Bernardino (in caso di maltempo il cinema teatro S. Pietro) ospita “La sirenetta”, spettacolo proposto da Fondazione Aida ed Ensemble Vicenza Teatro all’interno della rassegna “Estate in favola”, a sua volta inserita nel calendario di Estate d’Eventi. Continua a leggere

Estate d’Eventi: Tanto vale vivere

0001 (8)

Mercoledì 29 agosto alle 21 il giardino della biblioteca in via S. Bernardino (in caso di maltempo il cinema teatro S. Pietro) ospita lo spettacolo “Tanto vale vivere” di Dorothy Parker, proposto da Ensemble Vicenza Teatro con l’adattamento e la regia di Stefania Pimazzoni, la presenza sul palco di Stefania Pimazzoni, Irma Sinico e Catuscia Gastaldi e la scenografia di Franco Sinico. Continua a leggere

I misteri de… la vita del priaro

23157329_917885511708761_565420959608752689_o

Domenica 12 novembre all’interno della rassegna “Veneto spettacoli di Mistero”, le Priare dei Castelli a Montecchio Maggiore saranno la suggestiva location di “I misteri de… la vita del priaro”, una rappresentazione teatrale a cura di Ensemble Teatro che narrerà il perché nei freddi giorni di pioggia invernale non sia pensabile di entrare in quelle cave sotterranee a lavorare… troppi strani lamenti si sentono infatti quando il vento ulula tra le pietre. Continua a leggere