Confronto in Municipio sull’ex discarica lungo la SPV: nessun pericolo dalle infiltrazioni sui muri di contenimento

IMG_6846

In seguito ad un video diffuso sui social dalla Consigliera comunale Sonia Perenzoni in cui si parla della fuoriuscita, dal muro di contenimento del tratto montecchiano della costruenda Superstrada Pedemontana Veneta, in prossimità della discarica “in post mortem” Pontesello, di infiltrazioni che finirebbero direttamente in falda e conterrebbero, sempre secondo quanto sostiene la Consigliera, cromo, piombo, nichel, arsenico, mercurio e PFAS, l’Amministrazione comunale di Montecchio Maggiore ha riunito in Municipio i tecnici comunali e il direttore di Struttura di Progetto Superstrada Pedemontana Veneta Ing. Elisabetta Pellegrini, il dirigente del Dipartimento provinciale dell’Arpav dott. Alessandro Bizzotto, il responsabile per la Provincia di Vicenza del Servizio Tutela Risorse Naturali perito Andrea Baldisseri e il presidente di Agno Chiampo Ambiente (società pubblica che si occupa della gestione posto mortem della discarica) geom. Alberto Carletti. Continua a leggere

Analisi tecniche e ipotesi fondo di rotazione per l’ex discarica Paulona, il Comune: “Decisioni interlocutorie, continua lo scaricabarile”

 

cof

 

La Provincia di Vicenza, una volta approvato il bilancio, incaricherà un tecnico professionista di eseguire un sopralluogo finalizzato a definire lo stato dell’arte dell’ex discarica Paulona, con particolare riferimento ai livelli di percolato. Continua a leggere

Gestione post mortem dell’ex discarica in località Paulona, il Comune: “Ognuno si prenda le proprie responsabilità, è ora di finirla con questo scaricabarile”

cof

“Il Comune non può essere lasciato solo in questa storia, dopo che è stato l’unico soggetto a prendersi carico della tutela dell’ambiente”: l’assessore all’ambiente Gianfranco Trapula commenta così l’esito della vicenda giudiziaria relativa al percolato scoperto nella primavera del 2013 nell’ex discarica in località Paulona e rimosso a spese del Comune in quanto l’ordinanza contingibile ed urgente – emessa per garantire la sicurezza della discarica dal sindaco Milena Cecchetto nei confronti della società G.M. srl, allora rappresentata dal liquidatore Luca Carli – non venne rispettata. Continua a leggere