Con il recupero delle facciate si completa il restauro dell’ex stazione del Duomo, destinata a diventare fulcro della promozione territoriale

Come sarà il prospetto nord

Ultimo tassello per il completo recupero dell’ex stazione ferroviaria del Duomo, destinata a diventare la sede della Pro Loco Alte Montecchio e del consorzio di Pro Loco “La Serenissima Agno-Chiampo”.

La Giunta comunale ha infatti varato il progetto esecutivo per il completo restauro delle facciate, ossia il terzo intervento dopo quelli relativi alla sistemazione del tetto e al restauro filologico degli spazi interni.

Lo storico edificio, che di fatto da molti anni risultava abbandonato e preda dell’incuria, si appresta dunque ad avere una nuova vita, dedicata alla promozione delle eccellenze turistiche, culturali, artistiche ed enogastronomiche del territorio.

L’intervento, sostenuto da una spesa comunale che sfiora i 100.000 euro, ha ottenuto l’avvallo della Soprintendenza. Preceduto da un’indagine stratigrafica degli intonaci, prevede la stesura di una tinteggiatura di colore ocra rosso e la sistemazione dei vari elementi in pietra. Così facendo, si otterrà un effetto il più possibile simile all’aspetto originario della storica stazione ferroviaria. Sarà inoltre realizzata una nuova pavimentazione esterna in porfido, che ben si inserirà nel contesto urbanistico e architettonico della zona in cui l’edificio è collocato.

I lavori inizieranno nei prossimi mesi estivi, per concludersi entro l’autunno.

L’attuale aspetto del prospetto nord
L’aspetto attuale del prospetto est
Come sarà il prospetto est

“L’ex stazione – commenta il sindaco Gianfranco Trapula – rappresenta un importante pezzo di storia del nostro territorio. Quest’ultima fase del restauro le ridarà lo splendore del passato e la farà tornare ad essere al servizio della collettività.  Infatti, grazie alla Pro Loco, sarà un nuovo importante punto di riferimento per lo sviluppo di tutto il settore legato agli eventi e al turismo”.  

“Grazie a questi lavori – sottolinea l’assessore al patrimonio Carlo Colalto – l’edificio tornerà ad essere un punto di riferimento per i cittadini di Montecchio Maggiore e non solo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...