Pendolari del sacchetto selvaggio smascherati dalla Polizia Locale

rifiuti ex boom 03XI2018-4

Due scarichi illeciti di rifiuti scoperti dalla Polizia Locale dei Castelli in pochi giorni.

Il merito è delle segnalazioni dei cittadini, sempre più attenti a fenomeni di questo tipo, della capillare presenza in città di telecamere sia private che del sistema comunale di videosorveglianza e delle successive indagini della Polizia Locale, che molto spesso portano ad individuare i responsabili.

È il caso degli ultimi due episodi, i cui responsabili sono stati smascherati analizzando le targhe dei veicoli immortalati dalle telecamere. Il primo è avvenuto nella zona lungo la SR 11 dell’ex discoteca Boom, dove due uomini residenti in provincia di Venezia hanno scaricato da un’Audi diversi sacchetti di rifiuti per poi abbandonarli lungo il ciglio della strada, a pochissimi metri dai cassonetti posizionati in quel luogo proprio per evitare l’abbandono.

Il secondo episodio è avvenuto in aperta campagna e precisamente in via Gualda, dove da una Volkswagen Golf è sceso un uomo, risultato residente nel napoletano ma probabilmente domiciliato in zona, che ha scaricato alcuni sacchi di immondizia convinto che in un posto così isolato nessuno potesse vederlo. Un residente in zona ha invece notato la scena e ha allertato la Polizia Locale, la quale ha poi acquisito le immagini di un circuito di videosorveglianza privato, riuscendo in tal modo a smascherare il responsabile.

Schermata 2018-11-27 alle 15.12.25

Ai trasgressori sarà notificato un verbale di contravvenzione di 110 euro, più 20 euro di notifica.

“Ora purtroppo si assiste al pendolarismo del sacchetto selvaggio – commenta il sindaco Milena Cecchetto -, ma se qualcuno spera di farla franca, venendo da fuori per abbandonare i rifiuti nella nostra città, si sbaglia di grosso, perché l’attenzione da parte nostra è, e sempre sarà, massima”.

“Ringraziamo i cittadini per le loro segnalazioni – afferma l’assessore all’ambiente Gianfranco Trapula – perché ci aiutano ad individuare i luoghi maggiormente esposti al fenomeno e di conseguenza ad aumentare la sorveglianza”.

“Grazie al capillare sistema di videosorveglianza – spiega il Comandante della Polizia Locale dei Castelli Massimo Borgo – siamo sempre più in grado di individuare i responsabile degli abbandoni abusivi dei rifiuti. Siamo impegnati a rendere sempre più difficile la vita a chi compie atteggiamenti così irresponsabili”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...