Mense scolastiche, netta diminuzione delle tariffe a carico delle famiglie

Linz_JKU_Mensa_Lunch_K109_Uni_Mensa_ateria

A Montecchio Maggiore il nuovo anno scolastico si apre con una piacevole notizia per le famiglie dei bambini delle scuole dell’infanzia e primarie pubbliche che usufruiscono della mensa scolastica.

Il Comune, con un’apposita delibera approvata dalla Giunta comunale, ha abbassato la tariffa base di 41 centesimi: dai 4,10 euro a pasto dello scorso anno scolastico si passa infatti ai 3,69 euro dell’anno scolastico 2018/2019. Non c’è più inoltre la differenza di tariffa tra alunni residenti e non residenti: anche quest’ultimi, che fino allo scorso anno scolastico pagavano 4,54 euro a pasto, pagheranno 3,69 euro.

“La diminuzione – spiega l’assessore alla scuola Maria Paola Stocchero – è stata possibile perché la nuova gara d’appalto per il servizio di refezione scolastica è stata indetta tramite la Centrale Unica di Committenza assieme ai Comuni di Montebello Vicentino e Brendola, il che ha permesso alla società Serenissima Ristorazione di offrirci un prezzo migliore a fronte dell’aumento dei pasti erogati”.

“Non ci sarà soltanto un grosso risparmio per le famiglie – afferma il sindaco Milena Cecchetto –, ma anche per il Comune, visto che fino allo scorso anno scolastico, per tenere basse le tariffe a carico degli utenti, pagavamo la differenza di 44 centesimi a pasto che serviva a coprire il costo complessivo del servizio. È insomma un bel vantaggio per tutti”.

Il Comune non farà comunque mancare il proprio contributo economico. Sono infatti confermate le agevolazioni in caso di due o più fratelli residenti a Montecchio Maggiore che utilizzino ciascuno il servizio mensa per 5 giorni a settimana: il secondo figlio pagherà 1,85 euro a pasto e dal terzo figlio i pasti saranno gratuiti. Sono inoltre previste ulteriori agevolazioni ed esenzioni in favore delle famiglie in condizioni di difficoltà economica, vale a dire l’esonero al 100% per le famiglie con un ISEE da 0 a 4.000 euro e al 50% per le famiglie con un ISEE da 4.001 a 8.300 euro. Il Comune sosterrà infine la spesa relativa ai pasti degli insegnanti, pari alla differenza tra quanto fatturato dalla ditta di ristorazione e quanto trasferito al Comune dal M.I.U.R.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...