Tir non rispettano i divieti e restano bloccati a ridosso dei portali: ingorgo sulla Montorsina

IMG-20171115-WA0002.jpg

Il mancato rispetto dei divieti da parte di due camionisti causa un ingorgo lungo la SP Montorsina.

È accaduto martedì alle 18, in pieno orario di punta. Una pattuglia della Polizia Locale dei Castelli, che aveva incrociato un tir con targa turca in Viale della Vittoria, dove vige il divieto di transito per i mezzi oltre le 7,5 tonnellate, lo ha raggiunto lungo la provinciale Montorsina, dove dallo scorso marzo vige invece il divieto per i mezzi oltre le 3,5 tonnellate istituito da Vi.Abilità per preservare la stabilità dei ponti sui torrenti Poscola e Guà.

Il tir era bloccato a ridosso del portale limitatore di sagoma installato sempre da Vi.Abilità prima del ponte sul torrente Poscola proprio per impedire il passaggio dei mezzi troppo pesanti e non aveva lo spazio per fare manovra e tornare indietro. Quasi contemporaneamente, nel senso di marcia opposto, un tir con targa italiana e condotto da un rumeno è rimasto a sua volta bloccato prima del portale installato a ridosso del ponte sul Guà. Dietro i due mezzi pesanti si sono formate lunghe code di veicoli, tanto che è dovuta intervenire una seconda pattuglia della Polizia Locale per deviare il traffico e far indietreggiare i due tir fino al punto in cui hanno potuto fare manovra. Le operazioni sono durate circa un’ora.

Al conducente turco sono state comminate due sanzioni per il mancato rispetto dei divieti lungo Viale della Vittoria e lungo la Montorsina (in tutto circa 120 euro), mentre al rumeno soltanto la sanzione per il mancato rispetto del divieto lungo la provinciale (circa 60 euro).

I divieti lungo la Montorsina e l’installazione dei portali per impedire il passaggio ai mezzi che tali divieti non li rispettano sono stati al centro, la scorsa settimana, di una riunione convocata in Municipio a Montecchio Maggiore dal sindaco Milena Cecchetto e dal collega di Montorso Antonio Tonello. Presenti i rappresentanti delle categorie economiche (che criticano la misura dei portali in quanto impediscono il passaggio di alcuni mezzi agricoli e di trasporto che, pur avendo dimensioni maggiori, rispettano il limite di 3,5 tonnellate), i tecnici di Vi.Abilità e il consigliere provinciale delegato alla gestione delle strade provinciali Renzo Marangon, che si sono impegnati a valutare la possibilità di rimuovere i portali limitatori di sagoma e di installare altri metodi dissuasivi e la possibilità di eseguire interventi di ristrutturazione per riportare a 12 tonnellate il peso massimo consentito dei mezzi in transito sui ponti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...