Carambola tra auto, due feriti

Uno scontro tra vetture all’incrocio, con conseguente carambola che coinvolge un’altra auto in sosta. È successo nel tardo pomeriggio di ieri a Montecchio Maggiore, nell’intersezione tra via Archimede e via Rossini. All’origine dell’episodio l’impatto tra la Seat Ibiza condotta da un 33enne tunisino residente a Vicenza, e la Fiat Punto di un 37enne del Bangladesh residente a Montecchio Maggiore. Secondo le prime ricostruzioni attorno alle 17.30 il tunisino si è immesso dallo stop di via Rossini in via Archimede con direzione via Fermi; una volta occupato l’incrocio è stato urtato sul lato sinistro dalla Punto, occupata dal bangladese e da un connazionale 23enne, e circolante su via Archimede in direzione viale Stazione.

20160905_174208.jpg

La violenza dell’impatto ha fatto ruotare la Seat di 180 gradi, con l’auto che ha terminato la propria corsa contro una Opel Corsa regolarmente parcheggiata poco lontano, e di proprietà di una vicentina di 58 anni.

Sul posto è immediatamente accorsa un’ambulanza del Suem 118, che ha trasportato i feriti, il conducente e il passeggero della Punto, all’ospedale di Arzignano con codice giallo. Ancora in corso gli accertamenti, ad opera degli agenti del Comando di Polizia Locale dei Castelli, per attribuire le effettive responsabilità. Tutti gli stranieri coinvolti risultano in possesso di regolare documentazione.

20160905_174136.jpg

Porta un coltello nella giacca, bangladese denunciato

Si introduce senza autorizzazione nel cortile di una scuola, viene identificato dalla Polizia Locale e dal controllo spunta un coltello. Il protagonista negativo della vicenda è H.U., 22 anni, del Bangladesh, senza fissa dimora ma e in possesso di un regolare permesso di soggiorno.

I fatti risalgono alle 10 del 1° settembre, quando il giovane, spesso notato negli ultimi giorni a vagare per la città, è entrato senza alcun apparente motivo nel cortile della scuola dell’infanzia Andersen in via Monte Grappa ma è stato subito notato dal personale scolastico che ha chiesto l’intervento della Polizia Locale dei Castelli. Una pattuglia ha rintracciato l’uomo, che nel frattempo si era allontanato, e dal controllo è emerso che portava nascosto tra gli abiti un coltello con lama di 22 centimetri.

Non essendo stato in grado di giustificare il possesso del coltello, sarà denunciato per porto abusivo di arma da taglio, reato per il quale risulta già denunciato in un altro Comune della zona. Pare infatti che l’uomo abbia l’abitudine di portare con sè un coltello. Verrà denunciato anche per invasione di terreno, per essere entrato senza autorizzazione nelle pertinenze della scuola.

La Polizia Locale ha inoltre attivato la procedura per richiedere al Questore di Vicenza un provvedimento di divieto di dimora a Montecchio Maggiore.

foto coltello.jpg

Play the Games 2016, il bowling fa strike contro i pregiudizi sulla disabilità

Il Team Regionale Veneto Special Olympics, con il fondamentale coordinamento della Direttrice Provinciale Claudia Treviso e il contributo del Comune di Montecchio Maggiore, ha il piacere di ufficializzare lo svolgimento dei Play the Games Nazionali 2016 di Bowling presso gli impianti “Le Alte Bowling” di via Nogara ad Alte di Montecchio Maggiore.

L’appuntamento, che si svolge nell’ambito del programma 2016 dei Play the Games di Special Olympics Italia (attraverso 18 eventi a calendario tra i mesi di aprile e settembre, una modalità innovativa di mettere in scena i Giochi Nazionali, rendendoli più vicini ai territori, ai cittadini e agli appassionati), ha scelto Montecchio come tappa di un lungo viaggio attraverso l’Italia, per sensibilizzare e diffondere la conoscenza sulla disabilità intellettiva, ed educare i più giovani alla comprensione e alla valorizzazione della diversità in ogni sua più ampia espressione. L’evento si svilupperà nelle giornate di venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 settembre, e vedrà la partecipazione delle delegazioni di Toscana, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna e Veneto, per un totale di 114 atleti e 25 partner. Le competizioni saranno con modalità di Singolo, Doppio e Squadra Unificata.

Ieri mattina in Municipio, la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa.


La solenne Cerimonia di Apertura, come per ogni evento Special Olympics in rigoroso protocollo olimpico, è fissata alle 20.30 di venerdì 9 settembre presso l’Anfiteatro di Piazza Fraccon in Montecchio Maggiore, alla presenza delle massime autorità cittadine, del comitato organizzatore, delle delegazioni partecipanti e con la partecipazione straordinaria della cantautrice e ballerina Camilla Fascina, reduce da un’esperienza di grande successo negli Stati Uniti e prossima e dai successi al Veneto Jazz Festival in affiancamento all’artista britannico Jack Savoretti.

Special Olympics è il più diffuso programma di inclusione sociale attraverso lo sport per persone in condizione di deficit intellettivo.

“L’iniziativa – spiega il vicesindaco e assessore allo sport Gianluca Peripoli – avrà un’ampia visibilità non solo locale, e ci permetterà di dialogare direttamente con le altre realtà nazionali che condividono con noi l’interesse per la massima inclusione sociale. L’unione è un elemento fondamentale per centrare questo importante traguardo”.

“Montecchio Maggiore è orgogliosa di dare ospitalità a questa iniziativa – afferma il sindaco Milena Cecchetto – : diamo il benvenuto agli atleti e a tutti i loro accompagnatori. Ancora una volta la nostra città scende in campo per abbattere le barriere, in questo caso pregiudiziali, che rappresentano il vero ostacolo per molti nella vita di tutti i giorni”.