Fa tappa a Montecchio Maggiore “Young & Road”, il Giro d’Italia della sicurezza stradale

IMG_3926

Giovedi 21 gennaio 2016, in piazza Marconi a Montecchio Maggiore, farà tappa il progetto “Young & Road”, il Giro d’Italia della sicurezza stradale, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, approvato nell’ambito del Bando di concorso per la sicurezza stradale.

L’iniziativa è stata pienamente accolta dall’Amministrazione comunale di Montecchio Maggiore, che ha risposto positivamente alla richiesta degli organizzatori di fare tappa in città.

La prima parte del tour si è svolta nei mesi precedenti la pausa natalizia tra Umbria, Campania, Toscana, Marche, Abruzzo, Basilicata e Puglia. La seconda parte vedrà coinvolte alcune regioni del centro-nord quali il Veneto, l’Emilia Romagna e la Lombardia, passando per le principali piazze e centri scolastici di città come Varese, Bergamo, Bologna, Conegliano, Forlì e appunto Montecchio Maggiore. Nella città castellana sarà coinvolto l’Istituto di Istruzione Superiore “Silvio Ceccato”, che parteciperà con le classi quarte e quinte alle attività in Piazza Marconi. In tutto, dalle 8,30 alle 12,30, parteciperanno 380 studenti, ai quali sarà anche somministrato un questionato sulle abitudini alla guida.

“Abbiamo accolto con grande entusiasmo questo progetto – afferma il vicesindaco Gianluca Peripoli – perché fornisce un grande contributo all’educazione alla sicurezza stradale. Sappiamo quanto ancora oggi incidenti molto gravi coinvolgano i giovanissimi. Esperienze reali come quelle proposte da questa iniziativa contribuiscono certamente ad aumentare la percezione del rischio legato a comportamenti errati”.
“È molto importante – sottolinea l’assessore alla scuola Maria Paola Stocchero – che siano gli studenti che si apprestano a conseguire la patente i protagonisti di questa iniziativa. Ringraziamo quindi non solo gli organizzatori, ma anche l’Istituto Ceccato per aver colto l’importanza di questo progetto. Attraverso queste esperienze la scuola conferisce un valore aggiunto alla propria offerta formativa”.

IMG_3929

L’obiettivo del progetto è contribuire alla trasformazione dei comportamenti errati che costituiscono la prima causa d’incidente stradale, implementare la percezione del rischio e la consapevolezza delle norme. Questo al fine di ridurre il numero degli incidenti stradali, dei feriti, dei feriti gravi e dei morti e per trasformare l’insicurezza stradale, che è anche attuale emergenza sociale, in sicurezza e opportunità di conoscenza, condivisione delle norme, libertà responsabile e rispetto di se stessi e degli altri.

Nelle piazze selezionate in accordo con i Comuni (a Montecchio Maggiore è stata scelta Piazza Marconi) viene posizionato il TIR utilizzato per la formazione “Young & Road”. Esso è unico nel suo genere, perché in grado di trasformarsi in un palco attrezzato da mt 4,10×12,50. Sul TIR sono montati: un simulatore di ribaltamento auto, un simulatore d’impatto, un maxischermo, una regia audio e video, un gruppo elettrogeno da 25 kw e 6 telecamere che riprendono il comportamento dei formati durante lo svolgimento degli esercizi (simulatore di auto e di ribaltamento). Un’auto che viaggia a soli 50 km/h e che impatta lateralmente contro un’utilitaria sviluppa un’energia cinetica tale da provocare facilmente il ribaltamento dell’auto investita. In caso di ribaltamento, che succede al conducente e ai passeggeri se non indossano le cinture? Qualora fossero legati dalle cinture, qual è la tecnica corretta per liberarsi dalle stesse senza provocare danni alle vertebre cervicali? Se l’auto, per un attimo di distrazione, finisse in un canale laterale ribaltandosi? Tutte queste domande ricevono una risposta grazie al simulatore di ribaltamento.

L’uso del simulatore di ribaltamento prevede diverse prove: simulazione di ribaltamento con guidatore e passeggero e simulazione di ribaltamento con manichini. Il simulatore di impatto è un carrello che scorre su binari grazie ad un motore elettrico e in circa 5 metri di corsa raggiunge la velocità massima di 10 km/h. Arrivato a fine corsa, il carrello si arresta di colpo e il volontario/spettatore, non agganciato con la cintura di sicurezza, si solleva dal sedile a causa dell’energia cinetica.

Grazie ad una presentazione multimediale condita con musiche, filmati di crash test e semplici spiegazioni, gli studenti presenti apprendono facilmente concetti complessi quali l’incremento quadratico delle forze fisiche agenti su un corpo in movimento, il funzionamento di airbag e pretensionatori, l’importanza dei seggiolini per i bambini e di quanto sia importante per l’incolumità di chi è alla guida, che il passeggero seduto dietro usi i sistemi di ritenuta.

Un grande maxischermo professionale consente la visione di quanto le telecamere riprendono durante le varie prove e, soprattutto, consente l’utilizzo della multimedialità, punto di forza dell’intero progetto. L’alta qualità degli schermi consente un’ottima visione al pubblico anche in pieno giorno e con luce solare. Le dimostrazioni pratiche, sommate alle divertenti lezioni multimediali, sono talmente incisive da convincere anche i più “indisciplinati” all’uso dei sistemi di ritenuta in auto.

One thought on “Fa tappa a Montecchio Maggiore “Young & Road”, il Giro d’Italia della sicurezza stradale

  1. Pingback: Studenti a lezione di sicurezza stradale | InMontecchio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...