Ennesimo sequestro di un congegno per alterare il cronotachigrafo

20151210_161010

Una Pattuglia della Polizia Locale dei Castelli ha controllato lungo la tangenziale di Montecchio Maggiore un autoarticolato condotto da un cittadino romeno – I.M., di 44 anni, residente a Roma da 15 anni – scoprendo immediatamente tramite la lettura del cronotachigrafo digitale che il mezzo pesante risultava in “pausa” sebbene il conducente fosse alla guida.

Il mezzo industriale, di proprietà di una ditta di trasporti di Cerveteri (Roma), è stato quindi accompagnato in uno spiazzo per un’ispezione più accurata, grazie alla quale gli agenti hanno accertato la manomissione al “Sensore di velocità Kitas” installato sul bulbo di trasmissione di velocità e dati del motore.

Gli agenti hanno aperto il bulbo, scoprendo che la scheda posta all’interno del trasmettitore era stata manomessa con una calamita collegata con un cavo alla cabina di guida. Tale alterazione interrompe il circuito facendo risultare il cronotachigrafo digitale in “riposo” sebbene sia in realtà circolante.

Lo strumento è stato sequestrato e il conducente è stato sanzionato per violazione all’art. 179 del cds con una multa di 1696 €. Gli è stata inoltre ritirata la patente di guida, che sarà trasmessa alla Motorizzazione Civile di Vicenza che provvederà ad una sospensione del documento da 15 giorni a 3 mesi.

Oramai sono innumerevoli le alterazioni ai cronotachigrafi scoperte dagli agenti di Largo Boschetti (una decina solo nel 2015), soprattutto grazie alla elevata professionalità e specializzazione in materia di autotrasporti di alcuni di essi.

Le manomissioni al dispositivo cronotachigrafo installato nei veicoli pesanti permettono di non rispettare l’alternanza pausa/guida dei conducenti prevista dalla legge e procurano alle ditte un rilevante beneficio competitivo costituito dalla riduzione dei costi fissi del trasporto, ma anche purtroppo una mancata tutela dei conducenti, che aumentano il loro tempo di lavoro oltre il consentito con tutti i pericoli connessi all’inosservanza del periodo di riposo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...