Ipotesi di un circuito di guida sicura nell’ex caserma “Ghisa”

IMG_3044

Il 23 ottobre 2015 presso la sede dell’Automobile Club Vicenza si è tenuta la conferenza stampa congiunta tra l’A.C. Vicenza, il Comune di Montecchio Maggiore e il Museo Bonfanti – Vimar per la presentazione dell’ipotesi di Masterplan di riqualificazione dell’area denominata “Alla Ghisa” sita in Montecchio Maggiore.Il Presidente dell’A.C. Vicenza, Valter Bizzotto, ha introdotto gli interventi illustrando ai presenti il progetto a marchio ACI relativo alla costruzione di un circuito di guida sicura volto a formare automobilisti capaci di una guida consapevole e responsabile.

“Il nostro scopo è quello, perseguito da sempre, di promuovere l’educazione e la sicurezza stradale ai giovani, ma non solo, nella speranza che l’impegno che l’A.C. Vicenza profonderà in quest’attività consenta di salvare più vite umani possibili dai rischi che derivano dalla guida irresponsabile.” ha dichiarato il Presidente dell’A.C. Vicenza.

IMG_3050

A proseguire l’intervento è stato il sindaco del comune di Montecchio Maggiore, Milena Cecchetto, che ha precisato che il progetto dell’A.C. Vicenza, di alta valenza sociale, costituisce una parte importante di un più ambizioso progetto che è quello di riqualificare l’ex area demaniale “Alla Ghisa” recentemente acquisita dall’amministrazione comunale.

A dettagliare maggiormente i potenziali sviluppi dell’opera, che prevede numerose altre attività insediabili, tra cui la possibile presenza del Museo Bonfanti – Vimar e altre realtà correlate e interconnesse con il mondo dell’automotive, è stato il Presidente del museo stesso Massimo Vallotto che ha esposto il progetto attraverso la proiezione di slide.

IMG_3057

Elaborata dallo studio Massimo Vallotto – architetto, per conto dell’ACI Vicenza, l’ipotesi tratta di recupero e valorizzazione di una importante area (ex caserma militare denominata la Ghisa) che il Demanio ha affidato al comune di Montecchio Maggiore con l’obbligo di esprimere una progettualità concreta e praticabile in tempi relativamente brevi.
In estrema sintesi si propone di puntare su di un Hub Tecnologico articolato nell’ambito della “mobilità” con tutte le attività connesse che la stessa oggi può esprimere.
Partendo dalla memoria dei primati sul tema, che la regione Veneto nei secoli ha prodotto in modo particolarmente ricco e stimolante, ed arrivando all’innovazione più spinta, rappresentata dalle innumerevoli realtà in parte già attive e in parte operative all’interno di incubatori d’impresa come ad esempio quelle che ogni anno il Premio Marzotto seleziona, emerge con forza un potenziale per creare un complesso unico in Europa.
Concepito per stralci, realizzabili tramite accordi pubblico-privati o altri strumenti normativi ed operativi idonei ad assicurare il prevalente interesse pubblico pur nel rispetto delle dinamiche economiche private, il Masterplan “la Ghisa”, ha la ragionevole ambizione di diventare un punto di riferimento anche per un’area vasta che guarda ad un orizzonte più ampio della regione.

Questa iniziativa ambisce ad essere elemento generatore non solo di nuovi flussi economici e quindi di nuova occupazione per il territorio dove è ubicata ma, soprattutto, di un complesso di valori immateriali importantissimi come la salvaguardia e il rispetto della vita e dell’ambiente, perseguiti tramite azioni e sperimentazioni che apriranno nuovi importanti scenari nel campo della mobilità, della sicurezza e dei nuovi modelli comportamentali che mirano al superamento delle problematiche conosciute che interessano questo campo.

Partendo dai dati drammatici delle statistiche nazionali sugli incidenti stradali riferiti all’anno 2013:

– 181.227  incidenti stradali con lesioni a persone;
– 3.385 deceduti;
– 42,1 % dei deceduti di età compresa tra i 20 e i 44 anni;
– 257.421 feriti.

Numeri impressionanti che portano un ente responsabile come ACI Vicenza a cercare di mettere in atto iniziative concrete per fare crescere l’esperienza dei neopatentati facendo loro raggiungere sicurezza nella conduzione dei mezzi a motore e portandoli a maggiore consapevolezza grazie a dei corsi che integreranno quanto la legge prevede per il rilascio del titolo abilitativo alla guida.

ACI Vicenza, che annovera oltre 18.000 iscritti (il dato più importante del Triveneto) stava cercando da anni un’area idonea alla costruzione di un impianto tecnologico dove tenere dei corsi per simulare le condizioni di guida più problematiche e, tramite istruttori dedicati, far crescere la capacità di controllo dei partecipanti tramite un mix di didattica e pratica altamente specializzata.

Grazie al Sindaco di Montecchio Maggiore, dott.sa Milena Cecchetto e alla sua Giunta, che hanno colto l’appello del presidente ACI Vicenza Valter Bizzotto, si è ora finalmente concretizzata questa opportunità che verrà perseguita con molta determinazione perché ogni giorno che passa i numeri sopracitati continuano inesorabilmente ad accrescere.

Riassumendo quanto potrebbe essere realizzato alla Ghisa:
1 – Tracciato guida sicura ACI-Sara (VI);
2 – Estensione tracciato prova asfalto terra (per corsi guida sportiva);
3 – Spazi per la didattica e accoglienza;
4 – Spazi espositivi multifunzionali;
5 – Spazi di rappresentanza (Distretto della Sostenibilità) da destinare ad aziende che si occupano di ambiente – energie rinnovabili – mobilità elettrica e sostenibile – sicurezza stradale e, in sinergia con il Premio Marzotto, alle start-up correlate;
6 – Spin-off universitari con Padova e Venezia;
7 –Possibile trasferimento della Galleria del Motorismo, Mobilità e Ingegno Veneto – Giannino Marzotto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...