Trecento minerali da tutto il mondo arricchiscono il Museo Zannato

IMG_2698

Recentemente il Museo di Archeologia e Scienze Naturali “G. Zannato” di Montecchio Maggiore ha ricevuto un’importante donazione mineralogica.

I coniugi Ennio e Michelina Noardo, di Thiene, hanno infatti donato la loro collezione che consta di circa 300 campioni provenienti da tutto il mondo: Italia, Madagascar, Brasile, India, Sudafrica, Kosovo, Romania ecc. Tra i vari campioni vi sono quarzi ametista del Brasile, barite caramellata dalla Romania, fluorite blu dal Messico e molti altri, in un tripudio di forme e colori.

IMG_2710

Per i coniugi Noardo i minerali sono una grande passione da lungo tempo. La sig.ra Michelina ricorda il primo minerale della collezione, acquistato a Lourdes negli anni ’70. Da quegli anni la collezione è notevolmente cresciuta, tramite acquisti o regali. Il primo campione di quarzo rosa è stato conservato per ricordo dai coniugi, mentre tutto il resto della collezione è stato donato. Dopo una visita al Museo a febbraio 2015, guidati da Claudio Beschin, collaboratore del Museo e noto paleontologo, i coniugi Noardo hanno dichiarato la volontà di cedere a titolo gratuito tutto il loro materiale nella convinzione che al Museo potrà trovare adeguata valorizzazione.

IMG_2691

A fine marzo 2015 la collezione è arrivata in Museo, grazie alla collaborazione dello stesso Beschin e del Direttore del Museo, Roberto Ghiotto. È iniziata subito la prima fase di pre-catalogazione, curata da Viviana Frisone, curatore naturalista del Museo, e dall’esperto mineralogista Matteo Boscardin. I minerali sono stati numerati, classificati e collocati in apposite cassette. Per verificare la corretta classificazione, su alcuni campioni è stata fatta l’analisi chimica tramite spettroscopia infrarossa. Il prezioso strumento di analisi è infatti presente in Museo. Inoltre 31 esemplari di grande impatto estetico sono stati lavati e sono ora esposti in un’apposita vetrina presso l’entrata del Museo. Cento dei 300 minerali acquisiti saranno infine utilizzati per le attività didattiche con i bambini e i ragazzi delle scuole.

“Ringraziamo i generosi donatori Ennio e Michela Noardo – afferma il sindaco Milena Cecchetto, che è anche Presidente del Sistema Museale Agno Chiampo – perché il loro gesto non arricchisce soltanto il nostro museo, ma anche la proposta scientifica e le opportunità di divulgazione nell’intero Ovest Vicentino”.

Sarà possibile ammirare gli splendidi esemplari durante i consueti orari di apertura del Museo. Questa prestigiosa donazione si aggiunge a tante altre, dalla mineralogia, alla paleontologia, all’entomologia. Per esempio le collezioni mineralogiche Stocchero e Da Meda, una collezione entomologica di insetti del Veneto e numerosi fossili locali studiati e pubblicati in prestigiose riviste italiane e internazionali.

IMG_2711

IMG_2714

IMG_2709

IMG_2694

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...