Riparte “I Go” per nuove opportunità all’estero

IGo_2013_A

I Go: da Montecchio al Mondo, il servizio informativo sulla mobilità internazionale proposto dall’InformaGiovani di Montecchio Maggiore in collaborazione con Eurocultura, riprende anche quest’anno con tante consulenze individuali, gratuite e su appuntamento riservate agli utenti sotto i 30 anni.

 Bernd Faas e Gianluigi Rago, consulenti di Eurocultura, metteranno a disposizione la loro competenza ed esperienza a favore di chi cerca informazioni iniziali sulle opportunità all’estero. Eurocultura si occupa di mobilità internazionale dalla sua fondazione, nel 1993. Con 20 anni di esperienza Eurocultura è un punto di riferimento d’eccellenza in Italia e all’estero nel realizzare interventi per “muovere” le persone oltreconfine.

Le consulenze inizieranno lunedì 8 aprile 2013, dalle ore 16.00 alle 19.00 all’InformaGiovani in via da Vinci 17 ad Alte Ceccato. È possibile prenotare il proprio appuntamento via mail da lunedì 25 marzo!

Per prenotare la consulenza basta inviare una mail a infogiomm@interplanet.it lasciando i seguenti dati:

– nome e cognome

– numero di telefono

– data e ora (compatibilmente con la disponibilità) in cui si vorrebbe prenotare la consulenza.

Le prossime consulenze saranno: lunedì 6 maggio, 3 giugno, 1 luglio, 30 settembre, 11 novembre, 2 dicembre 2013.

Orari: 16.00, 16.30, 17.00, 17.30, 18.00, 18.30.

“L’obiettivo – spiega l’assessore alle politiche giovanili Leonardo Peotta – è di favorire una maggiore mobilità dei giovani, consapevoli di vivere in un mondo globalizzato, che si confronta a livello internazionale. Un’esperienza all’estero oggi fa la differenza, sia sul piano umano che professionale, ma è importante programmarla per viverla al meglio.”

“Il nostro InformaGiovani conferma di essere un importante polo di informazione e di formazione – sottolinea il sindaco Milena Cecchetto – e di anno in anno accresce le proprie iniziative. È una finestra aperta sul mondo e sulle opportunità che esso può riservare ai giovani. Grazie a questo progetto, garantiamo alle nuove generazioni una approccio internazionale al tema del lavoro”.